LORENZO BAR

Presidente

Fondatore negli anni 80 dell’Associazione Italiana Bambù, è un esperto di impianti di trasporto a fune. Ha unito la sua passione per il verde con la principale attività di topografo portandolo a visitare numerosi paesi nella fascia tropicale orientale. Paesaggista e progettista del verde, ha realizzato diversi giardini tematici sul bambù per enti pubblici e privati. Alcuni di essi sono: la collezione botanica presso l’Orto botanico di Roma per l’Università La Sapienza, il Giardino dei bambù per la Provincia di Bolzano, il bosco didattico per il comune di Sommariva Perno (CN), le rotonde/fontane come arredo urbano per il comune di Alba (CN), il Giardino dei bambù per Villa Carlotta a Tramezzo (CO), consulenza per la progettazione del Labirinto della Masone di Franco Maria Ricci a Fontanellato (PR).

MARCO FABIANI

Vicepresidente

Laureato in Ingegneria civile indirizzo “strutture”, durante il dottorato di ricerca presso l’Università Politecnica delle Marche si dedica allo studio delle proprietà meccaniche di alcune specie di bambù coltivate in Italia ed analizza, nel contempo, un connettore in legno ed acciaio adatto alle strutture reticolari. Dopo l’esperienza universitaria, partecipa al progetto Leonardo lavorando in Spagna nel 2014 per la riqualificazione del porto di Valencia. Si specializza in seguito nell’insegnamento di Tecnologia, disciplina presente nella scuola secondaria di primo grado, di cui attualmente è insegnante a Pesaro. Collabora come esperto esterno nel team di Bambù Strutturale.

STEFANO POLO

Segretario

Laureato in architettura al Politecnico di Torino con una tesi “Scuola professionale di tecniche costruttive e di autocostruzione in Nicaragua”, ha effettuato un corso post-laurea dal titolo “Habitat tecnologie e sviluppo per i PVS”. Negli ultimi anni è tecnico per la bioedilizia e socio di AIB dal 2005. Ha tenuto diversi corsi/workshop sull’utilizzo pratico del bambù e realizzato diverse installazioni insieme a Lorenzo Bar. Crea oggetti in bambù di diverso tipo che negli ultimi anni hanno preso una forma d’arte contemporanea grazie alla collaborazione con l’architetto-artista Ghironi Francesco. Attualmente è insegnante di Arte e Immagine nella scuola secondaria di primo grado.

LUISA MOLARI

Consigliera

Ricercatrice confermata di Scienza delle Costruzioni presso il Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali (DICAM) dell’Università di Bologna, è titolare del Corso di Scienza delle Costruzioni nella Laurea a ciclo unico in Architettura e del corso di Teoria delle strutture nella Laurea Magistrale in Ingegneria Civile. E’ laureata in Ingegneria Civile e ha conseguito il Dottorato di ricerca in Meccanica delle Strutture. La sua attività di ricerca ha riguardato temi di meccanica computazionale, formulazione di modelli sul comportamento di materiali, sull’invecchiamento delle murature o sui cambiamenti di fase di acciai, di leghe di alluminio e di materiali con memoria di forma. Da qualche anno la sua attività si è maggiormente rivolta alla parte sperimentale, con l’acquisizione di dati per la caratterizzazione meccanica di materiali e di manufatti. Ben consapevole della sempre più urgente necessità di impiegare materiali sostenibili nelle costruzioni, in particolare in quelle edilizie, negli ultimi anni studia il comportamento meccanico di materiali e fibre naturali per le costruzioni quali paglia, canne da fiume, bambù e legno, con particolare riguardo alle giunzioni di elementi strutturali realizzati con questi materiali.

LORENZA BISBANO

Consigliera

Dopo la laurea Magistrale in Architettura presso l’Università degli Studi di Parma, si avvicina al mondo dell’ecosostenibilità partecipando a corsi e workshop tematici ed indirizzando i suoi studi sull’architettura sostenibile. Fondamentale per la sua formazione, e per acuire la sua sensibilità ambientale, è stato l’incontro con il bambù come materiale da costruzione. Da questa scoperta iniziale prosegue la sua ricerca per indagare tutte le altre sfaccettature che rendono il bambù una pianta poliedrica e dalle mille virtù.